• Admin

Il gesto psicologico di Michail Cechov


  • Il Gesto Psicologico

  • Come deve essere il GP

  • Parole in pratica

  • I 5 principi guida



Gesto Psicologico e immagine cinestetica

Michail Cechov (1891-1955 ) attore, regista, pedagogo, era il nipote del famoso drammaturgo Anton Cechov e il miglior allievo di Konstantin Stanislavskij. Considerato come uno dei più grandi attori del ventesimo secolo, dedicò gran parte della sua attività all’ elaborazione di una tecnica nuova che andasse oltre i principi stanislavskiani dei primi studi.


In seguito si trovò a dire:


"Se il Sistema Stanislavskij è la scuola superiore, la mia tecnica è l' università"


I principi psicofisici e la visione di ricerca "per il nuovo attore" che Michail Cechov ha apportato alla recitazione in termini di contributi artistici, possono essere considerati come rivoluzionari. Essi hanno riempito uno spazio mancante nelle pratiche dell'arte drammatica post naturalismo psicologico, come riportano, a riconoscimento di ciò, anche grandi maestri della recitazione del novecento come Sanford Meisner.

Il principio cardine della tecnica di Cechov -che l’ attore possa andare "oltre l’ autore e l’ opera"-, rappresenta una delle chiavi principali per comprenderne meglio il suo approccio psicofisico. Un importante e fondamentale strumento della recitazione cechoviana sviluppato nel corso della sua lunga attività e ininterrotta ricerca, iniziata a Mosca e proseguita poi in giro per Europa e Stati Uniti, è Il Gesto Psicologico (GP):



Il Gesto Psicologico (GP) è una delle chiavi di accesso al subconscio dell' attore che rivela la natura-essenza del personaggio. Consiste in un movimento o in un' azione concentrata e ripetibile -intangibile o tangibile- tramite il quale l' attore trae ispirazione ed energia dalla sua immagine cinestetica. Possiamo definire il Gesto Psicologico come un movimento/intenzione che esprime la natura Psicologica del personaggio; esso è composto da tre fattori principali all'unisono: Pensieri, Sentimenti e Volontà.


Ps = PSV


Il GP, che può essere visibile (effettivo) e invisibile (potenziale), si esprime quindi con un movimento unico che contiene PSV: Cechov suggerisce nei principi guida la forma intangibile come "mezzo principale"; il GP riallinea e influenza tutte le componenti psicofisiche dell' attore-personaggio e, corpo, movimento, voce, intenzioni e sentimenti, ne vengono influenzati dalla sua esecuzione.



  • Come deve essere il GP

La facilità e la rapidità di esecuzione sono i requisiti che Michail Cechov considerava estremamente significativi nella recitazione. Il GP dovrebbe quindi essere il più semplice possibile, perché il suo compito è quello di riassumere l'intricata psicologia del personaggio in una forma facilmente definibile nella sua essenza. Un GP complicato potrebbe non riuscirci.




Alex Di Francesco, Claudio Meloni & Lindsay Kemp
  • Parole in pratica

Scopri qual è il desiderio principale del personaggio/ cerca una risposta / non intellettualmente, non pensare, ma senti come il tuo corpo reagisce agli impulsi e come questo influenzi la tua interiorità / anche se si tratta solo di un indizio, inizia a costruire il tuo GP un passo alla volta / per esempio puoi usare prima solo la mano e il braccio... / poi lascia che si estenda a tutto il corpo facendo si che il tuo essere venga influenzato ed esprima quello che la tua mano ha voluto fare... / continua, ripeti e migliora il tuo GP fino a che senti forte quello di cui hai bisogno.



  • I 5 principi guida


La tecnica di Michail Cechov è un approccio alla recitazione fantasioso e creativo per sperimentare la verità del momento. In On Theatre and the Art of Acting , una serie di conferenze tenute ad un gruppo di attori professionisti nel 1955, Cechov parlò dei Cinque Principi Guida. I seguenti principi sono estratti e delineati da quella serie:



Michail Cechov

1. L'attore deve addestrare il proprio corpo attraverso l'uso di esercizi psicologici. La tecnica cerca una connessione tra la realizzazione di un'azione fisica esterna e la percezione di come questo movimento evochi una risposta interiore. Tutti gli esercizi fisici sono fatti con l'intenzione di risvegliare una risposta psicologica interiore. Ciò richiede che il corpo sia un ottimo strumento: ben sviluppato, espressivo, obbediente e sensibile. Il corpo diventa una specie di spugna finemente sintonizzata per rispondere agli impulsi psicologici. Così l'attore si sforza per un completo equilibrio e armonia tra il corpo e i pensieri, le emozioni e i desideri. Non sono indipendenti l'uno dall'altro e c'è un gioco costante tra i due, uno che influenza l'altro. ​2. L'attore deve utilizzare i mezzi di espressione intangibili mentre agisce e si esercita per ottenere risultati tangibili. I principali mezzi di espressione del metodo sono intangibili. I mezzi tangibili per l'attore - corpo, parola, voce - sono intrisi di elementi intangibili di sentimenti, immaginazioni e sensazioni. Un esempio potrebbe essere il gesto psicologico, che nella performance può essere esteriormente invisibile ma ispira azione e sentimento durante l' esibizione stessa. Questo vale anche per il corpo immaginario, il centro immaginario, l'atmosfera e il super-obiettivo di Stanislavskij. La tecnica chiede che l'attore ami e promuova gli "intangibili" in quanto fungono da guida per l'attore attraverso tutti gli esercizi del metodo ed elevano il processo e la professione dell'attore ad un livello superiore. ​3. L'attore deve impiegare lo spirito creativo e l'intelletto superiore per unificare i vari aspetti della performance. All' interno di ognuno di noi vi è un laboratorio nascosto nel quale siede uno scienziato saggio che incarna il nostro spirito - riassume, amalgama, trae conclusioni, unisce tutte le nostre capacità. La tecnica di Cechov equipara questa capacità con il nostro cosiddetto sé superiore, il nostro sé migliore, che ha una forte influenza nello sviluppo dei nostri talenti. Tutta l'arte è basata sul potere sintetizzante dello spirito. Senza questa sintesi, si è lasciati con elementi disconnessi e potrebbe non esistere alcun archetipo o prototipo. Allo stesso modo, non potrebbe esserci nessun "ensemble", nessun gesto psicologico, nessuna sensazione del nostro personaggio. Quella parte di noi che è critica, divide e separa il nostro bisogno creativo di unirci.  ​4. Lo scopo della Tecnica è incarnare ogni componente del metodo come mezzo per risvegliare tutte le parti del sistema al fine di evocare uno stato mentale creativo. È desiderio dell'attore evocare l'ispirazione e uno stato mentale creativo a volontà. Esiste un' unità che consiste di molte parti componenti del metodo, tutte queste parti sono collegate tra loro. Mentre l'attore impara a usarne uno correttamente, per incarnare un punto del metodo, altri punti si risveglieranno da soli. Quanto più profondamente si sperimenta l'uso dei punti separatamente, tanto più grande è la possibilità che vengano visualizzati altri elementi della tecnica. ​5. L'attore deve penetrare ogni singolo punto della Tecnica e quindi determinare in che misura e in che modo essa liberi il suo talento. Un attore non sta cercando un metodo di lavoro che diventi un peso, ma un metodo che liberi il suo talento. La tecnica incoraggia l'attore a esaminare tutti i vari punti del metodo e analizzare in quale misura e in quale modo possa liberare ed espandere la propria creatività. Questo è lo scopo principale del sistema, L'attore quindi presta la sua attenzione su come ogni punto di questo lavoro risponda a questa domanda.


AIIMC www.michailcechovstudio.com



Michail Cechov Studio Aiimc Via Filandro Vicentini 12 Chieti, CH 66100 Tel 371 420 7845 Mail michailcechovstudio@gmail.com
  • Facebook
  • Instagram

2020 AIIMC . Tutti i diritti riservati