Sulla pedagogia di Michail Cechov

La scuola è dedicata all'applicazione, allo studio e alla ricerca dei principi e delle tecniche di recitazione insegnate da Michail Cechov: definito da Konstantin Stanislavskij come il suo "allievo più brillante" e da Stella Adler come "il più grande attore del 20° secolo", Cechov non fu solo riconosciuto per il suo genio come attore, ma lo fu anche come artista e insegnante, per aver offerto all' attore e alla recitazione un nuovo mezzo espressivo, diretto e sicuro, un legame incredibilmente profondo e vitale con la propria innata natura artistica: l’ immaginazione e lo sviluppo del sé creativo, i fondamenti più potenti e fertili per ogni artista.

La nostra mission è quella di continuare in questa direzione, di cercare di applicare le tecniche di Cechov con lo stesso tipo di volontà e integrità originali, con lo spirito di andare "oltre le tradizioni"; con il medesimo effetto e abilità artistica. Lo facciamo per le ragioni più immediate e soddisfacenti: i risultati. Pratici, tangibili e continuamente mutevoli. Lo sviluppo di un' immaginazione che espanda la propria conoscenza e liberi l’ attore verso un’ idea del teatro del futuro. Gli insegnamenti di Michail Cechov non solo ispirano e illuminano, ma rendono disponibili e accessibili i confini e le profondità non solo dell'espressione artistica, ma anche di quella umana.

E noi crediamo che questo debba essere perpetuato.

Lo Studio: visione e storia

Un percorso da Stanislavskij a Vachtangov a Cechov

Lo Studio è fondato sui principi psicofisici di Michail Cechov, sulla studieità di Vachtangov e sul terzo Studio del Sistema Stanislavskij; il programma Rep, messo a punto nelle sessioni sperimentali di ricerca, è un coaching per la pratica, il perfezionamento e l’ allenamento attoriale funzionale alle esigenze di cinema e tv. 

L’ analisi della vita degli Studi è un percorso fondamentale per formare attori artisticamente e culturalmente completi e per comprendere la grande rivoluzione di Stanislavskij per il superamento dei cliché e del dilettantismo nell' approccio al mestiere dell' attore; questa analisi ruota attorno alle origini del lavoro di Sulerzickij e l' idea di comune teatrale, a Vachtangov e la ‘studieità’, a Smysljaev e i gruppi del Proletkul’t e i loro modi di lavoro collettivo, a Michail Cechov nella ricerca di una ‘tecnica nuova’ per il ‘nuovo attore’, a Lee Strasberg con lo sviluppo del ‘metodo’ e gli esperimenti dell’ Actors Studio, a Stella Adler e i processi della "terza via stanislavskiana", a Sanford Meisner e l' impulso della "realtà del fare" e al nostro metodo Rep "tra cinema e teatro".

Allo Studio si ricerca affinché la ripetizione trovi equilibrio con l'invenzione, esercitandosi a usare, per poi rompere, gli automatismi del comportamento abituale quotidiano per fornire all' attore/attrice la capacità di analizzarlo nei minimi particolari e rimodellarlo, creando una propria vita scenica; frutto di abilità e personale penetrazione dei modelli del regista e del drammaturgo.

Lo Studio nacque agli inizi degli anni duemila presso un ufficio notarile in Abruzzo con la struttura organizzativa di studio associato. La base organizzativa iniziale, con sede in Abruzzo, ebbe successivamente altri due studi associati: a Los Angeles, su West Hollywood e New York, sulla Bleecker Street, come luoghi di cultura attoriale "senza confini" con il nome di "Chekhov House" con l' intento di essere, più che una scuola in sé, un' idea multiculturale pedagogica dove gli attori, su invito o richiesta, potessero lavorare, perfezionarsi e allenarsi sulle forze sperimentatrici e sulla comprensione dei principi fondamentali dell' acting moderno. Dopo l' ultima sessione internazionale, che si tenne in Germania a Ehrenfeld (Colonia), la sede italiana si stabilì a Chieti, in Abruzzo, per diventare uno studio teatrale permanente diretto dal fondatore Alex Di Francesco.

Lo Studio nel corso degli anni ha organizzato seminari e workshop sul training dell' attore e partecipato a produzioni teatrali e co-produzioni cinematografiche con SHProduction e il Dipartimento Cinema. Ha diretto, fondando il Laboratorio Teatrale Sperimentale "L' Araba Fenice", i laboratori di recitazione e psicodramma nell' ambito del "Progetto armonia" finanziato da Regione Abruzzo e Ministero della Salute dal 2004 al 2008 e organizzato in maniera continuativa, anche a livello istituzionale, corsi e stage di formazione professionale attoriale con enti pubblici sulla tecnica di recitazione di Michail Cechov.

Direttore Artistico Alex Di Francesco

Presidente Onorario Jack Colvin

Nel centro storico di Chieti

Lo studio è ospite a Chieti nel centro storico, tra le città più antiche d'Italia e d'Abruzzo. Le origini sono mescolate alla mitologia, poiché la leggenda racconta che fu fondata nel 1181 a.C. dall'eroe Achille, che la chiamò Teate in onore della madre Teti. Infatti il nome greco della dea è molto simile a quello teatino: Θετις - Thètis. L'eroe omerico è rappresentato anche sullo stemma della città, sopra un cavallo rampante, che regge lancia e scudo su cui è raffigurata una croce bianca su campo rosso con quattro chiavi, rappresentanti le quattro antiche porte cittadine di Sant'Anna, Santa Maria, Napoli e Pescara.

La croce è anche un simbolo cristiano, poiché lo scudo ha legami con lo stemma della famiglia Valignani, che prese parte alle crociate in Terra Santa.
Gli storici hanno osservato che il nome Teate proviene dal greco Θηγεατη (Thegèate), poiché forse fondata dai Pelasgi. Nella lingua greca veniva chiamata così anche dallo storico Strabone, che attribuì la fondazione ai popoli dell'Arcadia.
Durante l'epoca italica e la conquista romana la città cambiò nome in Teate Marrucinorum, e successivamente, dopo il sacco di Pipino il Breve nell'801, iniziò a modificare il nome, che nel volgare si trasformò pian piano in Chieti. Tuttavia nel latino, fino al XIX secolo, la città fu sempre chiamata con l'antico nome romano Teate, così come gli abitanti accolgono l'opzione di essere definiti "teatini", in alternativa all'attuale "chietini".

Michail Cechov Studio Aiimc Via Filandro Vicentini 12 Chieti, CH 66100 Tel 371 420 7845 Mail michailcechovstudio@gmail.com
  • Facebook
  • Instagram

2020 AIIMC . Tutti i diritti riservati