• Admin

Marlon Brando & Stella Adler

Aggiornato il: 27 set 2019


Probabilmente è stato uno dei più grandi attori che il mondo abbia mai visto, ma quando Marlon Brando è partito dalle strade di New York a 23 anni si sentiva inadeguato alla realtà che lo circondava.


« Avevo una grande sensazione di inadeguatezza, non ne sapevo abbastanza, non avevo istruzione, mi sentivo stupido »



Un bambino "molto timido e sensibile", Brando è cresciuto sentendosi non amato con una madre alcolizzata e un padre violento.


« L' idea di inferiorità mi è stata vicina per molto tempo »




Quindi, come ha fatto Brando a trascendere il suo senso di inadeguatezza, a trovare la forza di diventare il formidabile attore da palcoscenico e di gran presenza sullo schermo che conosciamo? Brando lo ha scoperto grazie alla recitazione: «diventare sicuro di sé quando si lavora su un'identità autentica, un'onestà brutale, conoscere il meglio e il peggio del personaggio e indagare dentro sé stessi.»


Brando apprese questa formula dalla madre della recitazione americana: Stella Adler (10 febbraio 1901 - 21 dicembre 1992). Influente insegnante di recitazione e unica artista americana ad aver studiato direttamente con Konstantin Stanislavskij; prese Brando sotto la sua ala quando divenne suo allievo alla New School, New York.


Stella Adler ha aperto la strada al Sistema Stanislavskij in America, rivoluzionando il teatro e il cinema con un realismo emotivo sorprendente. Ha insegnato a personaggi come Judy Garland, Robert De Niro, Elizabeth Taylor, Warren Beatty e Elaine Stritch, ma le sue lezioni riguardavano tanto la vita quanto la recitazione, che legherà alla parola "sinonimi", un binomio imprescindibile.


Nella prefazione del libro di Stella Adler, The Technique of Acting (1988) , Brando scrisse: "Stella Adler era molto più che un'insegnante di recitazione, attraverso il suo lavoro trasmetteva le informazioni più preziose: come scoprire la natura del proprio "Io", la propria meccanica emozionale e quella degli altri. »


Stella Adler ci sfida ad essere audaci e fedeli a noi stessi. Mette in guardia contro le insidie ​​del pensiero conformista della classe media che danneggia con i suoi "standard di comportamento" stabiliti della società, come fossero "una camicia di forza per l'immaginazione".

Scriveva: «Il terrore delle critiche, la follia del denaro, la paura del palcoscenico, la timidezza inusuale, il sogno delle stelle e i cliché dei personaggi sono imposizioni fatte dal pubblico. Per essere un artista devi superare questi ostacoli. Le nozioni quotidiane di buon gusto, bellezza e moralità possono significare morte per il comportamento veritiero e per le prestazioni approfondite. »


Alcune delle citazioni classiche di Stella Adler includono:


  1. Quando sali sul palco devi avere la sensazione che ti stai rivolgendo a tutto il mondo, e che quello che stai dicendo è così importante che il mondo intero deve poterlo ascoltare.

  2. Crescere come attore e come essere umano sono sinonimi.

  3. La vita pulsa schiacciando l'anima e l'arte ti ricorda che ne hai una.

  4. Il gioco non è nelle parole, è in te!


In Listen To Me Marlon Brando ricorda che Stella Adler lo invitava a casa sua per vivere come un membro della famiglia dopo che l'alcolismo di sua madre era diventato eccessivo. Si descrive a quel tempo come "sofferente e disorientato" e parla di Stella come "sempre molto amorevole nei miei confronti".

Nessuno gli aveva mai detto di essere bravo in qualcosa, ma Stella Adler vide il suo potenziale: « Non preoccuparti ragazzo, ho visto il tuo talento, il mondo sentirà presto parlare di te » .

Questo sostegno da parte della sua mentore è stato fondamentale per Brando e il suo rispetto per la Adler ha resistito per tutta la vita. Ha ricoperto il ruolo di Presidente onorario dello Stella Adler Studio of Acting di New York (che continua fino ad oggi) fino alla sua morte, il 4 luglio 2004. Nel documentario afferma: « Tutti gli attori oggi hanno origine dagli insegnamenti di Stella Adler » .

Ma alcune delle frasi più potenti che Stella Adler rivolgeva a Brando, erano all'inizio della sua carriera quando lei gli diceva: « Non aver paura, hai il diritto di essere chi sei, dove sei e come sei » .

C'è una bella semplicità in quel messaggio, di tirar diritto senza paura, ed è questo al centro della vera fiducia: il diritto di esistere, di prendere spazio, di essere ciò che siamo.


Vale la pena ripeterle


Hai il diritto di essere:

  • Chi sei

  • Dove sei

  • Come sei

  • Se ci credi davvero, la fiducia segue.


La bellezza del consiglio senza tempo di Stella Adler è per tutti, non solo per gli artisti, ed è particolarmente rilevante per coloro che, per qualsiasi ragione, lottano con un senso di diritto, che si sentono abbattuti da una disuguaglianza sistemica, da discriminazione o subordinazione.

Prima di morire, il consiglio di Marlon Brando per l'attore era di vivere con sicurezza e di agire senza giudizi e censure:


« Tutto quello che fai, rendilo il più reale possibile, rendilo vivo, rendilo tangibile. Trova la verità di quel momento. »

Marlon Brando



Marlon Brando


MICHAIL CECHOV STUDIO AIIMC

Via Filandro Vicentini 12
Chieti, CH 66100
Tel 371 420 7845
Mail michailcechovstudio@gmail.com

  • Facebook
  • Instagram

2020 AIIMC . Tutti i diritti riservati