MICHAIL CECHOV STUDIO AIIMC

Via Filandro Vicentini 12
Chieti, CH 66100
Tel 371 420 7845
Mail michailcechovstudio@gmail.com

  • Facebook
  • Instagram

© 2020 AIIMC . Tutti i diritti riservati

  • Admin

La tecnica di recitazione di Stella Adler

Aggiornato il: 25 lug 2019




Stella Adler

Quando pensi al Metodo potresti essere inondato da emozioni contrastanti e opinioni contraddittorie. Mentre il Metodo è innegabilmente lo stile americano de facto, esso è anche circondato da controversie e mistica. Il Metodo è spesso associato all'insegnante di recitazione Lee Strasberg. Il metodo di Strasberg fu una risposta al metodo di Konstantin Stanislavskij chiamato il Sistema, che fu sviluppato al Teatro D' Arte di Mosca nei primi anni del 1900.

Pertanto, il mito delle tecniche di recitazione interiore - in cui gli attori applicano un'approfondita interpretazione psicologica e mentale dei personaggi e delle loro circostanze - è stato spesso associato solo a Lee Strasberg.

Tuttavia, all'inizio, c'era una donna che non era d' accordo con i procedimenti del metodo: questa donna era Stella Adler. Un'artista e un'insegnante con una forza vitale così intensa che il suo retaggio di formazione non solo vive ancora oggi ma prospera e viene celebrato da attori in tutto il mondo. Anche se Adler morì nel 1992, i suoi studi autonomi sono vivi e continuano la mission a New York e Los Angeles e il fatto di essere accettati da loro è considerato un fiore all'occhiello per un giovane attore.


Chi era Stella Adler

Stella Adler nacque in una delle famiglie di attori più popolari della scena teatrale Yiddish di New York. Salita sul palco in tenera età, imparò e si guadagnò un nome attraverso l'esperienza maturata con il duro lavoro. Negli anni '20 gli attori che si formarono con Stanislavskij al Teatro D' Arte di Mosca arrivarono ​​negli Stati Uniti per una tournée di produzioni russe e per condurre lezioni per attori americani desiderosi di imparare. Lo forma di recitazione negli Stati Uniti era radicata in gesti ampi ed espressioni molto elastiche. Così, quando gli attori di Stanislavskij arrivarono e dimostrarono uno stile di recitazione più sensibile, intricato e naturalistico, gli americani rimasero sbalorditi quanto smaniosi di imparare il nuovo modo di recitare. Per gli attori intellettualmente curiosi di New York come Adler, l'arrivo del Sistema fu un fulmine, gli americani avevano compreso cosa significava essere attori e quale verità ricercare all' interno del loro lavoro.

Adler iniziò a studiare con gli attori russi Maria Ouspenskaya e Richard Boleslavsky al loro American Laboratory Theatre di New York. La famiglia di Adler la prendeva in giro per l' idea di "addestramento" e la tipologia degli esercizi. Adler diventò molto presto una delle migliori studentesse della scuola e per questo successivamente fu invitata a far parte del Group Theatre, che fu co-fondato da Lee Strasberg, divenuto poi il direttore artistico dell' Actors Studio. Il Gruppo e il suo stile di recitazione ispirato a Stanislavskij si distinsero dagli altri come un ensemble rivoluzionario e fino ad oggi il suo lavoro è considerato una pietra miliare nel mondo della recitazione contemporanea. Tuttavia Stella Adler era scontenta e frustrata dalla direzione e dagli insegnamenti di Lee Strasberg.

Strasberg, che non aveva mai incontrato Stanislavskij, insisteva sulla correttezza della sua interpretazione del Sistema, che enfatizzava la "memoria affettiva" (o il richiamo emotivo). Adler sentiva che la pratica di scavare nei ricordi e nelle esperienze vissute per mostrare la verità sul palco non era solo inutile, ma tortuosa. E poiché Adler era una delle attrici più esperte nell'insieme, riteneva che l'enfasi sulla ricreazione dello stimolo dei ricordi vissuti sul palco stava manipolando attori più giovani e più ingenui del gruppo. Cosa fece Stella Adler? Attraversò l'oceano per incontrare e interrogare lo stesso Stanislavskij, dimostrando poi che Strasberg stava seguendo un' altra strada rispetto alla nuova via intrapresa dal maestro russo. A quel tempo Stanislavskij si trovava a Parigi, Adler gli si avvicinò dicendo che amava il teatro finché non era arrivata ad odiarlo. Questa schietta testimonianza incuriosì tanto Stanislavskij che invitò la Adler ad allenarsi con lui. A Parigi Stanislavskij non solo chiarì i suoi insegnamenti, ma condivise con la Adler la sua evoluzione del pensiero. Stanislavskij perfezionava sempre le sue tecniche e quando i suoi studenti del Teatro D' Arte di Mosca iniziavano a insegnare in America e i suoi libri furono tradotti in inglese, una versione obsoleta del Sistema stava prendendo piede negli Stati Uniti. La fonte primaria di superbia? Memoria affettiva o ricordo emotivo - Stanislavskij si era allontanato del tutto! Il padre del Sistema confermò le idee della Adler. Nonostante il chiarimento, il punto cruciale del Sistema rimase lo stesso: gli attori dovrebbero comportarsi realisticamente in circostanze non realistiche enfatizzando le circostanze del personaggio e trovando azioni in quelle circostanze da portare realmente sul palco. Ma da dove arriverebbe la motivazione per queste circostanze se non dalla vita stessa dell'attore? Adler insistette sull'immaginazione - e Stanislavskij accettò! Dopotutto, un attore è un artista e il più grande strumento di un artista è la capacità di immaginare. Così Adler tornò negli Stati Uniti e iniziò a professare le sue teorie approvate da Stanislavskij divenendo l'unico guru della recitazione americana che effettivamente studiò con il creatore del Sistema, "avendo la benedizione". Moltissimi attori americani chiesero a gran voce di studiare con Stella Adler al suo ritorno a New York.


Quali sono gli elementi chiave della tecnica di Adler?

Poiché la Adler è cresciuta in una famiglia di attori professionisti, credeva che recitare fosse uno stile di vita. Questa convinzione si manifestò in un'incessante insistenza sulla disciplina, questo è forse l'elemento essenziale della tecnica di Adler (anche oltre l'uso dell'immaginazione). Adler insegnava che l'immaginazione poteva essere coltivata solo se un attore costantemente esamina le sfumature della vita. Quando un attore nota deliberatamente le trame, l'estetica e i suoni della vita di tutti i giorni, il potere dell'immaginazione si espande e la cassetta degli attrezzi dell'attore cresce. Una volta che l'immaginazione dell'attore pulsa di ispirazione, si possono evocare immagini mentali dettagliate e realistiche da cui trarre ispirazione onesta sul palcoscenico. Quando quelle immagini diventano sfumate e strutturate e, quando l'attore autenticamente esprimere i dettagli delle immagini mentali al pubblico, l'attore arriva ad una qualità superiore di veridicità. Forse il terzo elemento più cruciale della tecnica di Adler da evidenziare è il focus sull' individuazione, l'articolazione e l'espressione delle circostanze di un personaggio. Adler insegnava ai suoi attori a interpretare il testo per gli elementi chiave che dettano la natura del personaggio, sia esso sociale, economico, religioso, geografico; l'elenco può andare avanti e avanti. Da lì l'attore deve fare due cose: in primo luogo, l'attore deve identificare i modi per trasmettere queste circostanze attraverso il completamento di un'azione (qualcosa che il personaggio fa a un altro personaggio per ottenere una specifica risposta desiderata). Secondo, l'attore deve fare un riferimento incrociato alle circostanze del personaggio con ciò che l'attore ha osservato nella vita su come queste circostanze si manifestano nella società.


Come faccio a sapere se la tecnica di Adler è giusta per me?
Marlon Brando

La tecnica di Adler è spesso servita come rifugio per coloro che si sentivano insoddisfatti di metodi psicologicamente più manipolativi. Marlon Brando era uno di questi attori. Indignato dagli insegnamenti di Strasberg, Brando attribuì il suo mestiere a Stella Adler. La sua tecnica richiede una rigida disciplina e una immaginazione ben nutrita. Non è per coloro che vogliono scorciatoie o soluzioni semplici: richiede una visualizzazione e un' osservazione deliberata e abituale. I suoi insegnamenti sono complessi, Adler insisteva affinché un attore prestasse molta attenzione alla propria salute mentale. Il lavoro della sua tecnica è mentalmente estenuante; i suoi studenti dovrebbero sentirsi sicuri della loro capacità di far fronte, elaborare e cercare supporto per sostenere la salute mentale per il rigore della recitazione.


Come si confronta la tecnica di Adler con altre ben note tecniche di recitazione?

Molte tecniche americane sono risposte al Sistema di Stanislavskij. Mentre Strasberg enfatizzava il ricordo emotivo, Sanford Meisner teorizzò che la veridicità poteva essere trovata scavando in istinti inconsci attraverso esercizi di ripetizione e di impulsi. Uta Hagen sottolineava il concetto di sostituire le circostanze con elementi compatibili della vita dell'attore mentre Michail Cechov lavorava sul fatto che gli attori imparassero gesti che avessero un significato psicologico e di universalità. Ciò che tutte queste tecniche hanno in comune è che sottolineano le circostanze di una scena e impongono agli attori di identificare e svolgere azioni relative alle circostanze. È il percorso che un attore utilizza per trovare la posta in gioco della circostanza o la loro azione su cui le teorie differiscono.


La tecnica di Stella Adler è meglio per attori cinematografici, televisivi o teatrali?

Anche se la maggior parte delle tecniche più importanti, compresa quella di Adler, sono state sviluppate pensando all'attore teatrale, le tecniche interiori (ispirate da Stanislavskij) traggono vantaggio dall'intimità dello sguardo di una macchina da presa. Quando l'occhio del pubblico è concentrato e la macchina da presa ingrandisce le espressioni di un attore, si può vedere più chiaramente l'immagine mentale lavorare nell'immaginazione dell'attore. Gli attori "addestrati" da Stella Adler hanno la reputazione di essere artisti disciplinati, sia che si trovino in una sala prove o su un palcoscenico.


Quali metodi di recitazione completano la tecnica di Adler?

Adler insisteva sul fatto che la sua tecnica e il Sistema Stanislavskij dovessero essere considerati una base fondamentale per gli attori. In questo senso Adler sosteneva che quando un attore utilizza correttamente e pienamente la propria arte, scoprirà lo stile appropriato richiesto da una performance. In questo senso, a prescindere dalle altre tecniche sulle un attore si allena, l'adattamento del sistema di Stella Adler sarà sempre complementare. In generale, tuttavia, è fondamentale per gli attori bilanciare l'azione interna americanizzata con più tecniche di recitazione esterne, come il metodo Viewpoints di Anne Bogart e Tina Landau o la stessa tecnica di Tadashi Suzuki.



Chi sono gli attori formati da Stella Adler? Eccone alcuni...
Robert De Niro

Marlon Brando, Robert De Niro, Phyllis Diller, Rhonda Fleming, Kipp Hamilton, Harvey Keitel, Jenny Lumet, Kate Mulgrew Elaine Stritch.




Di Alex Ates

a cura di Michail Cechov Studio A.I.I.M.C.










Michail Cechov Studio

A.I.I.M.C.

Via Filandro Vicentini 12- zona Templi Romani Chieti (Abruzzo Italy)

☎ 371 420 7845 mail: michailcechovstudio@gmail.com web: www.michailcechovstudio.com Community https://www.facebook.com/groups/actorsclubabruzzo/