• Admin

I punti di forza di un attore - cosa evitare e cosa ricercare.

Aggiornato il: mar 16

La recitazione non riguarda il pensiero, ma riguarda il sentimento: agire / acting

Corpo / pensieri / emozioni / energia

Molti attori si chiedono come potersi distinguere dagli altri nelle audizioni, come essere originali nelle performance e come fare qualcosa di unico che gli altri non stanno facendo.

Si chiedono per esempio se sarà il loro corpo a farli notare o emergere. La risposta generalmente è no. A meno che non si abbia una particolarità fisica unica richiesta dalla parte; non sarà, dunque, il primo impatto fisico a fare la differenza per farsi prendere in considerazione per un ruolo.

Anche i pensieri sono un' arma a doppio taglio e possono non rendere una performance originale. Se si prepara un pezzo basandosi solo sui pensieri, sull' estetica e su come dire bene le battute, si rischia di non aggiungere nulla del proprio vero "io". Si rischia un provino come lo farebbe chiunque altro che abbia avuto quelle stesse idee per quello stesso testo. Questo approccio è un approccio sbagliato che tende a non far vivere né il ruolo né l' attore.

Anche le emozioni, forti e/o sfumate, possono non essere la soluzione. L'errore che molti attori commettono è pensare che queste emozioni da sole possano renderci unici e particolari. Nelle audizioni e performance molti attori tendono a esprimere spesso emozioni forti come dolore, felicità, ira e amore, rischiando, però, di renderli suoni generici se privati dell' elemento unico necessario e originale che si possiede, ovvero l'energia.

L' elemento in assoluto che ci rende unici e originali, che ci identifica sul chi siamo, unici e irripetibili, è appunto l' energia.

Mentre le caratteristiche fisiche, i pensieri e le emozioni possono essere ripetibili negli altri, l' energia, invece, è quell'elemento unico che contiene tutta la nostra personale esperienza di vita - il vissuto- che nessuno può avere uguale, che nessuno può ripetere. Nessuno, dunque, può avere la tua energia. Puoi averla solo tu !

Tutti possiamo provare ed avere emozioni da mettere nella nostra performance attoriale, ma queste emozioni si distingueranno e diventeranno originali solo se metteremo la nostra energia in gioco.

Esempio sull' esercizio dell' abbraccio


1- Se abbracci un personaggio/attore che hai di fronte, compiendo solo l' azione, otterrai un risultato neutro.


2- Se abbracci un personaggio/attore che hai di fronte, compiendo l' azione ma aggiungendo un' emozione, otterrai un risultato con una qualità.

3- Se abbracci un personaggio/attore che hai di fronte, compiendo l' azione, con un' emozione ma mettendoci la tua energia -ovvero il TUO modo di abbracciare, con il TUO perché (Bisogno) , ricco delle esperienze sottili del vissuto - otterrai un risultato che nessuno potrà ottenere a te identico: solo tu, infatti, puoi abbracciare in questo modo; perché lo hai fatto con la tua energia che contiene tutta la tua esperienza di vita.

Energia = mettere sé stessi, il proprio vissuto, il proprio "io"

Tenere questa energia fuori dalla propria preparazione, significa rendersi piccoli, invisibili e scontati.

Mettiti in gioco e attingi dalla tua energia. Questa è la via del lavoro dell' attore.

Alex AIIMC



MICHAIL CECHOV STUDIO AIIMC

Via Filandro Vicentini 12
Chieti, CH 66100
Tel 371 420 7845
Mail michailcechovstudio@gmail.com

  • Facebook
  • Instagram

2020 AIIMC . Tutti i diritti riservati